In partenza per gli Stati Uniti? Oggi vi spiego quali sono i documenti necessari per entrare nel paese!

Quali sono i documenti necessari per entrare negli USA? Gli Stati Uniti d’America sono una delle principali destinazioni turistiche del mondo, tuttavia, sia per la grande affluenza di persone sia per ragioni di sicurezza, le politiche di ingresso nel paese sono molto severe. Dal 12 gennaio 2009 per i viaggi negli Stati Uniti senza visto è obbligatorio compilare on-line il modulo per l’autorizzazione al viaggio elettronica (ESTA), da un massimo di 3 giorni prima della partenza (anche se le autorità consigliano di farlo il prima possibile). Al termine della procedura il sistema vi dirà se siete autorizzati a imbarcarvi in un volo per gli Stati Uniti. Clicca QUI per compilare la domanda ESTA!

documenti ESTA-language

Il Programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program) presenta, ovviamente, una serie di requisiti: consente ai cittadini di alcuni Paesi di recarsi negli Stati Uniti per turismo o per affari, per un periodo non superiore ai 90 giorni, senza dover ottenere un visto, qualora abbiano tutti i requisiti necessari per partecipare al Programma. In particolare, i paesi aderenti al programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program) sono: Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Cile, Corea del Sud, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria.

L’altra questione è il passaporto. Se si è in possesso di un passaporto di tipo “elettronico”, non si ha bisogno di visto, ai sensi del Programma “Viaggio senza Visto”. In particolare, i passaporti “elettronici” incorporano un chip elettronico contenente dati biometrici del titolare. In Italia, tali passaporti vengono emessi a partire dal 26 ottobre 2006. Quindi se il vostro passaporto è stato emesso da questa data in poi, non avrete alcun problema.

A seguito di una serie di modifiche che sono state apportate alla legge denominata Visa Waiver Program Improvement and Terrorist Travel Prevention Act of 2015, dal 21 gennaio 2016:

i viaggiatori appartenenti alle seguenti categorie non saranno più idonei a viaggiare e ad essere ammessi negli Stati Uniti nell’ambito del Visa Waiver Program (VWP):

  • cittadini di paesi VWP che hanno effettuato viaggi, o risultano essere stati, in Iran, Iraq, Sudan o Siria a partire dal 1 marzo 2011 (fatte salve limitate eccezioni per viaggi diplomatici o per scopi militari in servizio di un paese VWP);
  • cittadini di paesi VWP in possesso di doppia cittadinanza iraniana, irachena, sudanese o siriana.

Questi soggetti potranno comunque richiedere un Visto seguendo la regolare procedura di richiesta presso le ambasciate o consolati. Nel caso tali individui abbiano bisogno di un Visto per gli Stati Uniti in situazioni di emergenza (per motivi di lavoro, salute o umanitari), le ambasciate e i consolati degli Stati Uniti offrono la disponibilità ad applicare una procedura accelerata.

A partire dal 21 gennaio 2016, verrà revocata l’autorizzazione elettronica al viaggio “Electronic System for Travel Authorization” (ESTA) a tutti quei viaggiatori che sono attualmente in possesso di un’autorizzazione valida e che hanno precedentemente indicato di possedere una doppia cittadinanza con uno dei quattro paesi sopra menzionati.

Ai sensi della nuova legge, il Secretary of Homeland Security si riserva il diritto di concedere una deroga a queste restrizioni qualora ritenga che tale deroga risponda all’interesse del law enforcement o della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La concessione di tale deroga avverrà caso per caso. In linea generale, le categorie di viaggiatori che potrebbero beneficiare di una deroga sono:

  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di un’organizzazione internazionale o regionale, o di un governo sub-nazionale;
  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di una ONG umanitaria;
  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria nel ruolo di giornalista per fini professionali;
  • soggetti che si sono recati in Iran per legittimi motivi di lavoro dopo la conclusione del Joint Comprehensive Plan of Action (14 luglio 2015);
  • soggetti che si sono recati in Iraq per legittimi motivi di lavoro.

Si ribadisce che la deroga per i richiedenti ESTA sarà valutata caso per caso, compatibilmente con i termini di legge.

Per ulteriori informazioni sui documenti necessari per entrare negli Usa o sul programma Viaggio senza Visto, potete cliccare qui.

Buon viaggio a tutti!

Commenti

commenti