Sulle sponde del fiume Nilo, non lontano dalla località di Assuan, celebre per la sua importante diga, si trova un caratteristico ed affascinante villaggio nubiano.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire chi sono i nubiani?!

I nubiani sono una delle popolazioni più antiche del mondo, la loro esistenza viene datata oltre 5000 anni fa. Si sono sempre divisi tra l’Antico Egitto e l’attuale Sudan ed infatti, ancora oggi, i Nubiani occupano una zona che, partendo da Assuan, corre lungo il Nilo, fino alla parte settentrionale del Sudan. Una popolazione che ha origini diverse dagli egiziani con una propria lingua e cultura e che è stata spesso vittima di soprusi tanto che oggi costituisce una piccola minoranza che però cerca di portare avanti le proprie tradizioni.

Nel corso del mio ultimo viaggio in Egitto, ho avuto la fortuna di visitare il villaggio nubiano di Assuan. Lo raggiungiamo, percorrendo il Nilo in battello, dopo aver fatto una sosta su una duna di sabbia del deserto che ci divertiamo a scalare, scattando foto mozzafiato del tramonto.

Lasciatoci il deserto alle spalle, raggiungiamo il villaggio nubiano che si presenta con case dai colori sgargianti, gente dai sorrisi smaglianti, bambini carichi di allegria che ci vengono incontro…uno di quei luoghi che ti rapiscono dal primo istante.

Dopo una veloce passeggiata tra le stradine in terra battuta, dove veniamo fermati da ogni negoziante intento a vendere i propri prodotti, visitiamo una tipica abitazione nubiana, una di quelle caratteristiche case tradizionali in argilla intonacata e dipinta a mano, dove veniamo accolti da una famiglia intera che ci offre dell’ottimo thè e del karkadè. Il popolo nubiano è tra i più ospitali del paese e ce ne rendiamo immediatamente conto.

Purtroppo, molte delle testimonianze storiche di questa antica ed affascinante civiltà, così come tanti altri villaggi nubiani, sono andati perduti a causa della costruzione della grande diga di Assuan nel 1971 ma fortunatamente coloro che sono sopravvissuti, portano avanti le proprie tradizioni, tramandandole di generazione in generazione!

Commenti

commenti