Il Centro di Documentazione del Partito Nazionalsocialista è un altro di quei luoghi da non perdere se visitate Norimberga. Fu proprio qui che Hitler, all’apice del potere, decise di svolgere i raduni del suo partito. Norimberga, infatti, era stata scelta come “città dei congressi del partito” e, a partire dal 1933, iniziò una grande opera di edificazione in un’area situata a sud-est, ai margini del lago Dutzendteich, destinata ad ospitare strutture ed edifici per i congressi e le grandi adunate.

Molti degli avveniristici edifici che erano stati progettati rimasero incompiuti a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Tra questi, c’era il Centro Congressi ed è proprio in una sua zona che è stato allestito il Centro di Documentazione, punto di partenza della visita.

centro di documentazione norimberga

Si tratta di uno spazio espositivo di 1.300 mq, in cui è ospitata la mostra permanente “Fascino e Terrore” che affronta le cause e le conseguenze della tirannia nazionalsocialista. Con l’ausilio di un’audioguida e di moderni strumenti come animazioni grafiche, film, fotografie e documenti dell’epoca, verrete catapultati nella più oscura epoca storica mondiale.

centro di documentazione norimberga

Il percorso espositivo si snoda in 19 aree espositive, organizzate in ordine cronologico, che testimoniano come queste adunate di massa venissero utilizzate dalla propaganda nazista per la messa in scena di una comunità popolare. Non basterebbero ore per visitare con cura questo Centro di Documentazione ma ho soltanto mezza mattinata a disposizione e voglio visitare ciò che resta degli edifici originari.

Le truppe di Hitler nella piazza del mercato di Norimberga

Uscendo dal centro, infatti, girando subito a destra, ci si ritrova all’ingresso di quello che può sembrare un piccolo Colosseo, oggi adibito a parcheggio, e che in realtà avrebbe dovuto essere il palazzetto per gli incontri del partito, in grado di ospitare oltre 50.000 persone. Non ci si può non chiedere che aspetto avrebbe avuto se i lavori fossero stati ultimati.

centro di documentazione norimberga

Proseguendo nella mia passeggiata, costeggiando il lago, mi ritrovo sulla Grosse Strasse, la grande strada delle parate, larga addirittura 40 metri e lunga 2 km con la pavimentazione in granito che non fu mai terminata. Dopo la fine della guerra, la strada venne utilizzata dagli americani come pista d’atterraggio mentre, a partire dal 1968, l’intera area venne convertita in un parcheggio da utilizzare in occasione dei grandi eventi di Norimberga. Trovarsi lì, al centro, fa sentire davvero piccoli. Tra i progetti incompiuti c’era anche la costruzione di uno stadio da 400.000 posti, mai realmente entrato nel vivo, la cui area oggi è occupata da un parco.

centro di documentazione norimberga

L’ultimo luogo da non perdere è il Campo Zeppelin, l’unico totalmente completato, sede più famosa dei raduni del partito. Di grande impatto visivo è l’enorme tribuna, lunga oltre 30 metri, dalla quale Hitler si rivolgeva alla folla sterminata che ricopriva gli oltre 24 ettari di questo enorme campo. L’architettura monumentale richiama il classicismo tipico dei regimi totalitari e si ispira all’altare di Pergamo, conservato a Berlino.

Visitare l’Area dei Raduni e il Centro di Documentazione è davvero necessario per comprendere qualcosa in più della storia di Norimberga e della Germania intera.

Uno dei raduni di Hitler nel Campo Zeppelin

Come raggiungere il Centro di Documentazione

Il modo migliore per raggiungere il Centro di Documentazione è usare la linea 6 o 8 del tram e scendere alla fermata “Doku-Zentrum”.

In alternativa:
Autobus linee 36, 45, 55, 65: fermata “Doku-Zentrum”
Metropolitana leggera “S-Bahn”, linea S2: fermata “Dutzendteich Bahnhof”

Biglietti

Adulti 6,- € / tariffa ridotta 1,50 € / scolaresche  1,50 € / gruppi a partire da 15 persone 5,- € / Famiglie 6,50 € oppure 12,50 €

Orari di apertura

Lun-Ven: 9.00 – 18.00

Sab-Dom: 10.00 – 18.00

Ultimo accesso: 17.00