Tornano qui, su World Trips, i racconti di viaggio e questa volta voliamo in Costa Rica in compagnia di Angela e della sua famiglia. A questo punto, non mi resta che dire: ad Angela la parola!

foto 4

Un saluto a te, Luca, e a tutti i tuoi lettori. Voglio raccontarvi il meraviglioso viaggio che ho fatto quest’estate insieme con il mio fidanzato Marco e mia zia Laura. Destinazione: COSTA RICA!!!

Il Costa Rica, o la Costa Rica ma non esiste una legge sull’articolo in tal senso, è un piccolo paese dell’America Centrale che confina a Nord con il Nicaragua, a Sud con Panama, a Est con il Mar dei Caraibi e a Ovest con l’Oceano Pacifico. Il suo clima è completamente equatoriale, caratterizzato da costanti piogge, in particolare nel periodo agosto-ottobre, e con una temperatura calda durante tutto l’anno.

La vicinanza all’equatore, le condizioni costantemente favorevoli di temperatura e umidità e le variazioni di quota che caratterizzano l’interno del paese fanno si che la biodiversità del Costa Rica è maggiore di quella degli Stati Uniti e dell’Europa messi insieme: nessun altro paese può contare così tanti habitat e così tante specie in un territorio così piccolo. In Costa Rica ci sono circa 900 specie di uccelli, 200 specie di rettili, 160 specie di anfibi e almeno 35000 specie di insetti (ma gli esperti ritengono che migliaia ancora non siano stati scoperti!). E poi non dimentichiamo i mammiferi terrestri: bradipi, scimmie, saimiri, coati e tanti tanti altri ancora!

Ma ora passiamo al nostro viaggio!

foto 1

L’itinerario che abbiamo scelto di percorrere, deciso prima di partire, è stato il seguente: Manuel Antonio, Santa Elena, La Fortuna, Puerto Viejo de Sarapiquì e Tortuguero. Abbiamo cercato di visitare quanti più ambienti possibili trascorrendo in ogni località almeno tre notti.

Arriviamo alla capitale San Josè la mattina del 5 agosto con un volo da Miami (dove abbiamo trascorso i primi 4 giorni della nostra vacanza con una tappa obbligata a Key West!). Da San Josè abbiamo preso un autobus locale che in 4 ore ci ha accompagnati fino all’albergo che avevamo prenotato a Manuel Antonio, piccola località situata sulla costa pacifica. L’hotel che avevamo scelto era posizionato direttamente su una spiaggia bagnata dalle favolose acque dell’Oceano Pacifico: un posto favoloso dove la marea ciclicamente si ritira lasciando spazio ad una spiaggia immensa per poi ritornare con le onde altissime e perfette per fare surf. L’azione delle maree dà vita ad habitat eccellenti per numerose specie di uccelli.

foto 5

 

Foto 2

Durante questi primi giorni abbiamo visitato il Parco Nacional Manuel Antonio, il parco più piccolo del Costa Rica ma anche il più visitato dai viaggiatori per la facilità di accesso ai suoi sentieri e la presenza al suo interno di meravigliose spiagge. Qui siamo riusciti ad avvistare la raganella dagli occhi rossi (Agalychnis callidryas), piccola rana simbolo del Costa Rica.

foto 6

foto 8

La nostra seconda tappa è stata Santa Elena, località situata a circa 1300m e perfetta per poter ammirare foreste nebulari primarie e secondarie. Le foreste nebulari, diffuse ad alte quote in molte zone del Costa Rica, sono costituite da alberi altissimi costantemente avvolti dalla nebbia e ricoperti da un numero elevatissimo di specie epifite come muschi, felci e orchidee che attingono sostanze nutritive dall’aria e dalla nebbia. Su ogni albero possono esserci anche 1000 altre piante. Noi abbiamo deciso di visitare entrambe le riserve biologiche, sia quella di Monteverde sia quella di Santa Elena ed entrambe offrono un paesaggio davvero suggestivo. Gli abitanti di questa zona sono riusciti ad evitare che le strade che conducono a Santa Elena e Monteverde venissero asfaltate proteggendo in questo modo il prezioso ambiente e facendo dell’ecoturismo la risorsa principale delle comunità.

foto 9

A Santa Elena sono nate le prime zip-line del Costa Rica: qui è possibile dunque sfrecciare nella foresta, appesi, letteralmente, tra gli alberi a 150 metri dal suolo, raggiungendo una velocità anche maggiore di 50km/h! Inoltre, è possibile fare tante altre numerose attività: camminare su ponti sospesi, escursioni diurne e notturne con guide affidabilissime, tour del caffè … insomma c’è l’imbarazzo della scelta e noi … abbiamo scelto di fare tutto!!!

Foto 12

foto 13

I successivi tre giorni li abbiamo trascorsi in un ecolodge alle pendici del vulcano Arenal, un vulcano dormiente dalla forma perfettamente conica. Per raggiungere la zona del vulcano abbiamo usufruito di un trasporto organizzato che prevedeva prima un tratto in gip e poi l’attraversamento del lago più grande del Costa Rica a bordo di un battello.

foto 16

Qui abbiamo fotografato tantissimi animali: farfalle, tucani, colibrì, rane… Questa zona è caratterizzata da tanti sentieri da percorre, cascate altissime ed impetuose e numerose sorgenti termali. Restare immersi in una piscina con acqua di 40° C con i colori del sole che tramonta ed il maestoso vulcano sullo sfondo è un’esperienza indimenticabile, una vera atmosfera da Eden!

foto 15

foto 18

foto 20

foto 21

Da La Fortuna ci siamo spostati in taxi in un altro ecolodge a Chilamate, piccola località vicina a Puerto Viejo de Sarapiquì. Nel lodge, gestito da una famiglia con tre bambini bellissimi, regna un’atmosfera completamente familiare e si è completamente immersi nella natura.

foto 23

Tra fiumi selvaggi e giungla tropicale, la valle del Sarapiquì è il luogo ideale per scoprire l’autentico Costa Rica e osservare da vicino la viva natura. Qui abbiamo avuto la possibilità di fare rafting: un’escursione divertentissima durante la quale è completamente impossibile non bagnarsi! Inoltre abbiamo partecipato ad un interessantissimo chocolate tour dove abbiamo scoperto le origini del cacao e assaggiato della cioccolata ottima!

foto 24

IMG_0921

Tortuguero è stata la nostra ultima tappa: un luogo surreale raggiungibile solo con le lance, tipiche imbarcazioni locali. Sulla costa caraibica del Costa Rica, da agosto a novembre, è possibile osservare le tartarughe che durante la notte risalgono la spiaggia per deporre le uova. Questa è stata l’esperienza più emozionante alla quale abbiamo partecipato, sembrava di assistere dal vivo ad un documentario della National Geographic!

foto 25

foto 26

Parte fondamentale del nostro viaggio sono stati tutti i costaricensi che abbiamo conosciuto. I ticos sono persone fantastiche orgogliose del loro piccolo paese e costantemente immersi nel ritmo della “pura vida”, un vero e proprio stile di vita rilassato e proiettato verso la semplicità e la serenità.

Insomma, grazie alla cordialità dei suoi abitanti, alle sue spiagge, al suo cibo, alla sua lussureggiante natura e alla sua ricchissima biodiversità il Costa Rica è il paese ideale per trascorrere un viaggio indimenticabile a stretto contatto con la natura!

In questo racconto non ho fornito molte informazioni sugli alloggi e i trasferimenti che abbiamo utilizzato. Per maggiori dettagli potete contattarmi al seguente indirizzo mail: info@marang.it e vi invito a cliccare su www.marang.it

Ringrazio Angela per aver voluto condividere il racconto del suo viaggio con World Trips e mi auguro di ri-ospitarla presto! 😉

[banner network=”adsense” size=”336X280″ type=”default”]