patricia2È stato definito dal Centro Nazionale statunitense per gli uragani come il “più forte uragano mai registrato nell’emisfero occidentale”. Si chiama Patricia e si tratta di un uragano che si sta dirigendo verso le coste del Messico, portando con sé venti superiori ai 260 km all’ora, con punte intorno ai 325 km all’ora.

Si pensa che l’uragano Patricia possa raggiungere una forza simile a quella del tifone Haiyan che due anni fa provocò più di 6mila tra morti e dispersi nelle Filippine: lo ha reso noto l’Organizzazione mondiale della meteorologia (Wmo) delle Nazioni Unite. Si prevede che possa riversare onde alte fino a 15 metri sul Pacifico.

“Molto probabilmente Patricia sarà l’uragano più forte da quando le autorità messicane hanno iniziato nel 1949 a seguire in modo sistematico questo tipo di fenomeni” ha detto il responsabile della Commissione nazionale per le risorse idriche, Roberto Ramirez de la Parra. È un “super-uragano”, affermano le autorità locali, che hanno decretato “l’emergenza straordinaria” in diverse località degli stati di Colima, Nayarit e Jalisco.

Secondo tutte le previsioni, l’uragano entrerà nel territorio nazionale messicano tra le 16 (23 ore italiane) e le 18 di oggi al confine tra lo Stato di Jalisco e quello di Colima, in una zona in cui si trovano il porto di Manzanillo e la località turistica di Puerto Vallarta. Sono stati già evacuati i turisti presenti in queste località e si pensa che il numero delle persone che potrebbero essere interessate dal passaggio di Patricia si aggira intorno alle 400mila.

Immediata la corsa alle scorte con i supermercati presi d’assalto. Dalle prime ore della mattina gli abitanti dei principali centri urbani sulla costa pacifica meridionale del Messico hanno cominciato ad affollare supermercati e negozi per attrezzarsi a poche ore dall’arrivo su terra ferma dell’uragano.

uragano-patricia