Visitare Vieste è stata una delle cose più piacevoli vissute nel corso del mio viaggio sul Gargano, perché Vieste si è rivelata una vera sorpresa! Riuscire ancora a sorprendermi delle bellezze di casa nostra mi rende davvero felice. Ne avevo sentito spesso parlare ma non essendoci mai stato non sapevo cosa aspettarmi. Vieste rappresenta il punto più ad est del Gargano, lo sperone d’Italia, ed è un vero incanto. Visitarla, poi, con le strade semi deserte, in una bellissima giornata d’autunno, mi ha permesso di apprezzarla ancora di più.

Visitare Vieste: antico borgo a picco sul mare in Puglia

Visitare Vieste

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
La mia visita di Vieste inizia dinanzi la lunga scalinata dell’amore. La leggenda vuole che, salendo la scalinata in coppia e tenendosi per mano, si resti legati per sempre alla persona amata. Nel 2018, poi, sulle gradinate è stata trascritta la canzone con cui Max Gazzè partecipò al Festival di Sanremo, ispirata alla leggenda di Cristalda e Pizzomunno. Proprio questa leggenda può essere considerata un pò alla base della fondazione di Vieste tanto che il grande monolite in pietra calcarea alto 25 metri, situato sulla lunga spiaggia della Scialara, porta proprio il nome di Pizzomunno.

Visitare Vieste

La leggenda narra, infatti, dell’amore indissolubile tra un giovane ragazzo, chiamato appunto Pizzomunno, e Cristalda. Una notte, però, le sirene che abitavano la baia e che bramavano conquistare il giovane, trascinarono Cristalda nelle profondità del mare, uccidendola. Pizzomunno rincorse l’eco della voce della sua amata ma senza successo e, il giorno seguente, i pescatori del villaggio trovarono il giovane che ormai, pietrificato dal dolore, si era trasformato nell’alto scoglio che, ancora oggi, porta il suo nome.

Che sia vero o meno non lo sapremo mai. Ciò che è certo è che questa affascinante storia d’amore ha contribuito a rendere Vieste una delle destinazioni turistiche pugliesi più romantiche.

Cosa vedere a Vieste

Superata la scalinata dell’amore, ci si inoltra nel cuore del centro storico di Vieste, arroccato su un costone a picco sul mare. Le prime tracce di insediamenti risalirebbero addirittura al III millennio a.C. ed infatti il suo centro storico può essere considerato uno dei più antichi del mondo. Il modo migliore per scoprirlo è perdersi nei suoi stretti e caratteristici vicoli, tra salite, discese e meravigliosi punti panoramici.

Visitare Vieste

La prima sosta è dinanzi la Chiesa di San Francesco che dà il nome alla punta su cui sorge, con annesso l’antico convento risalente al 1438. Scendendo le scale dietro la chiesa, poi, si giunge in riva al mare, dinanzi ad un antico trabucco e con un panorama mozzafiato.

Visitare Vieste

Visitare Vieste

Proseguendo nel cuore del centro storico di origine medievale, si raggiunge la Cattedrale, accanto alla quale svetta l’alto campanile in pietra bianca. Risalente alla seconda metà dell’XI secolo, la Cattedrale conserva ancora il suo primitivo stile romanico mentre il campanile è in stile barocco, ricostruito dopo un crollo nel 1772.

Visitare Vieste

Non lontano, ecco il Castello Svevo, che sorge sul punto più alto di Vieste. Le sue origini risalgono all’XI secolo ma fu soltanto durante la dominazione di Federico II, intorno al 1240, che assunse l’aspetto di un vero castello. La struttura originaria, poi, fu inglobata nelle fortificazioni cinquecentesche erette durante la dominazione spagnola del Vicerè Pietro da Toledo. Oggi ospita uffici militari e si può visitare soltanto in specifiche occasioni.

Infine, prima di andar via, è d’obbligo una sosta presso la “Chianca Amara”, un monumento eretto sulla pietra in cui nel 1554 vennero trucidati donne, anziani e bambini, dal sanguinario pirata turco Draguth.

Insomma se decidete di trascorrere le vostre vacanze nel Gargano, dovete assolutamente visitare Vieste, un antico borgo a picco sul mare che vi farà innamorare!

visitare Vieste