città più pericoloseTra le numerose classifiche che vengono stilate ogni anno, oggi vi riporto quella sulle città più pericolose e violente del mondo, stilata dalla rivista americana Business Insider. A guidare questa classifica troviamo, per il terzo anno consecutivo, la città honduregna di San Pedro Sula con ben 187 omicidi ogni 100.000 abitanti. Un po’ come se a Roma ci fossero oltre 5mila omicidi all’anno. Pensate che la città di San Pedro è entrata in questa particolare classifica nel 2010 e da allora non ne è mai uscita, anzi, ne detiene il primato. E che primato, oserei dire!

Al secondo e terzo posto troviamo: Caracas, in Venezuela e Acapulco, in Messico, rispettivamente con tassi di 134 e 115 omicidi ogni 100mila abitanti. Stando ai dati pubblicati si nota che la maggior parte, se non la totalità, di queste prime 50 città si trova in America Latina, considerando che nella classifica non si tiene conto delle zone di guerra. Un continente profondamente segnato dalle continue lotte tra gang antagoniste che si sfidano per il controllo del traffico di droga, un continente profondamente segnato da povertà, instabilità politica e grandi diseguaglianze, che non fanno altro che acuire il divario tra ricchi e poveri.

Tornando alla classifica, si contano: 16 città in Brasile, 9 in Messico, 6 in Colombia, 5 in Venezuela, 4 negli Stati Uniti, 3 in Sud Africa, 2 in Honduras ed 1 in El Salvador, Guatemala, Haiti, Giamaica e Porto Rico. Dalla classifica sono uscite città come Curitiba e Brasilia, che figuravano nel 2012, e ne sono entrate altre come Natal e Tijuana, famosa località turistica messicana.