Pubblicato il nuovo rapporto dell’Economist Intelligence Unit, agenzia di ricerche del settimanale britannico The Economist, che ha stilato una classifica delle città più costose al mondo per il 2014. Così, al vertice di questa classifica troviamo Singapore, che ha scalzato dal podio Tokyo, al primo posto nel 2013.

Secondo gli analisti comprare un biglietto per i mezzi pubblici a Singapore costa addirittura il triplo rispetto alla già cara città di New York. E pensare che solo 10 anni fa Singapore si classificava 18° in questa speciale analisi, pensate come è cambiato il tenore di vita! In realtà sembra che i problemi siano legati anche alla natura di questa città-stato che essendo priva di risorse naturali proprie è obbligata a dipendere da altri paesi per l’approvvigionamento energetico, d’acqua con i servizi che chiaramente risentono di questa situazione.

DSC02913

L’Europa sale al 2° e 3° posto con due capitali molto affascinanti, molto frequentate e, a questo punto, decisamente care. Si tratta di Parigi e Oslo. Segue Zurigo, mentre la 5° città più cara risulta essere Sydney. E devo dire che in effetti quando vi ho soggiornato ho notato un livello dei prezzi decisamente elevato, dovuto al fatto che in Australia il tenore della vita è più alto rispetto all’Italia.

Seguono poi: al 6° posto, Caracas; al 7°, Ginevra; all’8° Melbourne, che è però la città con la migliore qualità della vita; al 9° posto troviamo Tokyo, che nel 2013 guidava al primo posto e, infine, in 10° posizione troviamo Copenaghen.

Come vedete mancano nei primi 10 posti città come Londra, classificatasi al 15° posto e New York, “solo” 26esima. Tra le città più economiche al mondo troviamo invece Mumbai e Nuova Delhi.

DSC05355

 DSC03197

Commenti

commenti