L’ultima tappa del mio viaggio a Jaipur, la città rosa capitale del Rajasthan, è il Tempio delle Scimmie di Galta, a circa 10 km dal centro, dove arrivo a pochi minuti dalla fine dell’ennesimo diluvio universale.


tempio di galta

Nonostante il clima un po’ grigio, o forse proprio per quello, l’atmosfera è mistica e suggestiva. Mi inoltro, da solo, tra i vicoli di quella che sembra una città fantasma. Mi accompagna lungo il tragitto il suono di canti che si odono provenire dai templi circostanti e, qua e là, mi osservano dall’alto i santoni, vestiti nei loro abiti tradizionali, che fanno la guardia ai vari templi.

tempio delle scimmie di galta

Raggiungo finalmente il cuore del tempio delle scimmie di Galta che si articola su tre terrazzamenti, ciascuno con una vasca contenente l’acqua sacra che sgorga dalla fonte posta poco più in alto. La costante, lungo il tragitto che porta alla vasca situata in cima al tempio, è la presenza di numerose scimmie molto poco addomesticate ma considerate sacre e quindi intoccabili.

Il tempio di Galta, risalente al 18° secolo e dedicato al dio Sole e ad Hanumat (spirito dall’aspetto di scimmia), appare incastonato tra due speroni di roccia e, attraverso la bocca di una statua a forma di vacca, animale sacro per eccellenza in India, sgorga l’acqua naturale che riempie le tre piscine. Proprio per questo motivo, l’acqua del tempio di Galta viene considerata sacra al pari di quella del fiume Gange.

vedere a jaipur

Ancora oggi, si ritiene che bagnarsi nelle sue acque purifichi da ogni peccato. Il tempio di Galta, poi, da sempre costituisce luogo di meditazione per asceti induisti che qui eseguivano la “Tapasya”, disciplina meditativa che depura mente e corpo, raggiungendo la liberazione spirituale.

templi a jaipur

La prima vasca che si incontra, nonché la più grande, è quella riservata alle donne che, dismessi i loro coloratissimi sari, si immergono nelle sue acque. La seconda vasca, invece, è quella riservata agli uomini ed attira maggiormente l’attenzione di locali e turisti in quanto è la più caotica con urla, schiamazzi e ragazzi che si tuffano come in una qualsiasi piscina.

santoni galta

La terza vasca, infine, è posta in cima al tempio. È la più piccola e sporca e sembra essere destinata alle numerose scimmie che la affollano e la rendono assai poco praticabile. È proprio qui in cima che si trova il vero tempio indù dove ci si ferma a pregare. Alcuni fedeli mi invitano a raggiungerli ma, aimè, le scimmie me lo impediscono e così scelgo di andar via.

scimmie tempio galta

Se escludiamo Varanasi, di cui vi parlerò presto, il tempio delle scimmie di Galta è probabilmente il luogo più autentico incontrato nel corso del mio viaggio in India. Si esce di poco dalle rotte turistiche, non è ancora molto conosciuto e si prova a respirare un po’ di vera India. In ogni caso, non posso fare altro che consigliarvelo!

Commenti

commenti