[sz-youtube url=”http://www.youtube.com/watch?v=0VATu7tdKCg” /]

La Thailandia è una terra dalle mille sfaccettature e dalle molteplici sorprese e contraddizioni. Nota anche come Siam, che è stato il nome ufficiale della nazione fino al 1939 e in seguito per un breve periodo dal 1945 al 1949, data della definitiva assunzione dell’attuale denominazione. La parola Thailandia deriva da Thai, aggettivo che significa libero nella lingua thailandese. L’intera nazione, e in particolare la capitale Bangkok, è ricca di Templi Sacri dedicati ai tanti Buddha venerati dalla religione del luogo, tra questi, oggi voglio parlarvi del Buddha reclinato.

DSC02080

Nelle vicinanze del Grande Palazzo Reale, si trova il Wat Pho, anche conosciuto come Tempio del Buddha reclinato, il più vasto, più antico e forse anche più importante di tutta Bangkok. Al suo interno, insieme a numerosi altari dedicati alle varie divinità, si trova l’enorme Buddha dorato disteso sul fianco destro, lungo 46 metri e alto 15. Da notare le piante dei piedi realizzate con 108 tavolette di madreperla. La raffigurazione del Buddha disteso richiama il momento della morte e della dipartita dal mondo terreno per raggiungere il Parinirvana.

DSC02082

DSC02086

Lungo le pareti del tempio, poi, si trovano 108 ciotole dove è tradizione lasciare una moneta ed esprimere un desiderio. Il tempio è famoso oltre che per la sua bellezza, anche per essere il luogo dove nel 1955 sorse la prima scuola di massaggi ufficiale del paese. Ancora oggi viene ospitata nella struttura la famosa scuola di massaggi thai a cui partecipano studenti provenienti da ogni parte del mondo.

DSC02081 DSC02090

 [banner]