Al via la nona edizione di Wine and The City con venti giorni di eventi in giro per Napoli!

Parte ufficialmente venerdì 6 maggio la nuova edizione di Wine and The City, la rassegna che dal 6 al 25 maggio invade la città di Napoli in un crossover di appuntamenti che combinano cultura del vino e creatività. Venti giorni di eventi, quasi cento location coinvolte e più di 100 vini da degustare provenienti da tutta Italia per una nona edizione che si preannuncia più ricca che mai e che si propone al pubblico con il claim: “Coltiviamo ebbrezza creativa”.

Wineandthecity (2)Nata nel 2008 da un’idea di Donatella Bernabò Silorata, giornalista e grande esperta di comunicazione, Wine and The City è una festa mobile che si reinventa ogni anno nei luoghi e nei contenuti. È un invito a vivere la città in modo diverso, dinamico e trasversale. Saranno ben 4 i quartieri della città coinvolti, 6 i siti monumentali, 70 aziende vinicole, 2 consorzi e il Movimento Turismo del Vino della Campania, 1 birra, 9 produzioni artistiche inedite, questi sono solo alcuni dei numeri che rendono questa manifestazione sempre più un appuntamento irrinunciabile della primavera napoletana!

Si passerà dal Museo di San Martino a Villa Pignatelli, dal Parco della Tomba di Virgilio al Museo del Tesoro di San Gennaro, il Teatro Bellini e il nuovo Hart Cinema Food Music. L’ebbrezza della manifestazione contagia le Gallerie d’Italia di Palazzo Zevallos con lo spettacolo di teatro itinerante “5 bicchieri di vino”, la Fondazione Pietà dei Turchini che porta le musiche della Festa di Bacco di Leonardo Vinci 1722 a Villa Pignatelli e il Goethe Institut.

Wineandthecity (4)

L’apertura del 6 maggio sarà affidata al Dj Don Pasta, il Bob Dylan della cucina, noto per i suoi cooking dj set in cui mixa musica, dialoghi sulla cucina e performance ai fornelli. Per la prima volta a Napoli, si esibirà al centro del monumentale cortile dell’hotel Palazzo Caracciolo, tra vinili e padelle, mixer e farina, dispensando sonorità speziate dal mondo e pillole di saggezza cultural gastronomiche. Artista eclettico, mette insieme cucina, musica, poesia e filosofia. Il New York Times lo ha definito “uno dei più inventivi attivisti del cibo”: sul palco usa dischi in vinile e pentole, coltelli e Technics 1200, mentre taglia le cipolle racconta le ricette, enuncia gli ingredienti, sempre freschi e di stagione.

Lo chef resident di Palazzo Caracciolo, Daniele Riccardi, cucinerà quattro formati di pasta del Pastificio dei Campi, main sponsor di Wine&Thecity. Il pomodoro è solo San Marzano Dop di Solania. In degustazione i vini della storica azienda vinicola Ocone, espressione della migliore enologia del Sannio beneventano dal 1910. Acqua ufficiale della serata è Ferrarelle che sarà presente con la sua Ape car rossa effervescente. Per l’occasione Kimbo proporrà il caffè napoletano fatto con la tradizionale cuccuma in rame, raccontando miscele ed aromi del celebre caffè napoletano.

Come da tradizione il vino sarà ovunque, anche nelle migliori boutique e gallerie di Chiaia per i tradizionali happy wine itineranti: l’11 maggio in via Carducci, il 13 in via Filangieri e piazzetta Rodinò, il 17 in via Carlo Poerio, via Fiorelli e alla Riviera di Chiaia, il 18 in via Piedigrotta, il 19 maggio in via Bisignano, via Calabritto e piazza Vittoria e al Corso Vittorio Emanuele.

Wineandthecity (5)

Grande chiusura il 25 maggio a Nisida sede dell’Istituto Penale per i Minorenni dove, insieme ai ragazzi ospiti dell’istituto, si ritroveranno Francesco Sposito, chef due stelle Michelin di Taverna Estia, e Ciro Salvo di 50 Kalò. In degustazione i Franciacorta di Corteaura.

Insomma buon Wine&theCity a tutti!

Per maggiori informazioni sugli eventi in programma, potete consultare il sito ufficiale: www.wineandthecity.it

Commenti

commenti