Scoprire le bellezze di Napoli in kayak è una delle esperienze più emozionanti e divertenti che si possano vivere nel capoluogo partenopeo durante la bella stagione.

Sono molteplici i punti di partenza lungo la costa di Posillipo per uscire in Kayak a Napoli. Io stesso ne ho sperimentati vari ed ognuno permette di scoprire meravigliosi tratti di costa.

A seconda che abbiate più o meno voglia di pagaiare, potrete percorrere la costa di Napoli in kayak, arrivando fino alla baia di Trentaremi e a Nisida. I punti di partenza principali sono tre: la Spiaggia delle Monache, l’insenatura di Riva Fiorita e la Baia delle Rocce Verdi.

Scoprire la costa di Napoli in kayak è il modo perfetto per tenersi in forma e salvaguardare il pianeta con un’attività eco sostenibile. Ognuno, con il proprio ritmo, può divertirsi, fare sport e godersi la natura. Per i più inesperti, esiste anche la possibilità di partecipare ad escursioni organizzate per scoprire le bellezze di Napoli dal mare.

Kayak a Napoli

Uscire in kayak a Napoli è un modo anche per accrescere la conoscenza della stessa città. La costa di Posillipo, infatti, con la sua storia millenaria, nasconde luoghi misteriosi ed interessanti. La cosa che salta subito agli occhi è la presenza delle numerose ville storiche a picco sul mare. Si parte da Palazzo Donn’Anna, risalente al 1600, voluto da Anna Carafa, moglie del viceré spagnolo. È uno dei palazzi più misteriosi di Napoli, dall’aspetto quasi decadente e dal fascino intramontabile. Si trova a ridosso della Spiaggia delle Monache, vicino il Lido Sirena, ed è uno dei punti di partenza per andare in kayak a Napoli.

Lungo la costa si incontrano altre due ville molto famose: Villa Lauro e Villa Volpicelli. Entrambe sono legate alla soap opera Un Posto al Sole perché ne sono state il set televisivo per gli esterni. È possibile vederle da vicino e in alcuni casi scendere sulla loro spiaggia per scattare qualche fotografia. Poco sopra Villa Volpicelli, altro punto di partenza per noleggiare un kayak, si trova anche Villa Rosebery, immersa nel verde e risalente al 1800. Oggi è una delle residenze ufficiali del Presidente della Repubblica.

Kayak a Napoli

Superato il promontorio, ci si ritrova nel pittoresco borgo di Marechiaro. Qui è possibile ammirare da vicino la Villa degli Spiriti, cioè i resti di epoca romana dell’antico ninfeo della villa di Pollione. Ed ancora, procedendo verso la punta di Posillipo, si fa tappa presso l’Area Marina Protetta della Gaiola, una vera e propria area archeologica sottomarina.

L’ultima tappa è la selvaggia baia di Trentaremi dove il tufo giallo, tipico di queste zone, si alterna a sprazzi di verde che creano un impatto visivo suggestivo. In questa zona sono numerose le grotte antiche create dai romani o scolpite dai fenomeni atmosferici nel corso di migliaia di anni.

Kayak a Napoli