Tornano su World Trips i racconti di viaggio di amici viaggiatori, oggi voliamo a Madeira in compagnia di Ornella!

Un nuovo racconto di viaggio ci porta, oggi, a Madeira, in compagnia di Ornella.

João Gonçalves Zarco e Tristão Vaz Teixeira scoprirono l’isola di Porto Santo nel 1418, a causa del maltempo che li costrinse a cercare riparo durante la loro navigazione. Da Porto Santo avvistarono un’isola più grande, l’isola di Madeira, l’isola del legno.

Arriviamo sopra Funchal con un forte vento. Il pilota avverte che dobbiamo aspettare una mezz’oretta per vedere se si calma, quindi prova ad atterrare, si abbassa sulla pista, invano. Punta quindi ed atterra su Porto Santo, piccola isola a 50km da Madeira, aspettiamo ancora un po’ ma il vento non cala e quindi torniamo a Lisbona. Cena e pernottamento a spese della TAP, mattina dopo sveglia alle 5 e con un volo alle 8.30 atterriamo serenamente a Funchal alle 10, con tanta voglia di non vedere più aerei ed aeroporti per un po’ di giorni e un grande bisogno di camminare.

levada (FILEminimizer)

La nostra scoperta dell’isola inizia sulla Levada da Ribeira da Janela dove scarichiamo l’adrenalina accumulata nel viaggio. Le levada sono canalizzazioni di acqua sorgiva che si trovano su tutta l’isola e attraversano profonde vallate immerse nel verde e nei boschi di laurisilva. Portano l’acqua da dove c’è a dove serve. Dalle sorgenti alle coltivazioni di banane, canna da zucchero e vigneti.

Per concludere la giornata: un giro con vista sull’oceano e uno scherzo della natura.

Oceano1 (FILEminimizer)

Noi sull'oceano (FILEminimizer)

madeira

Ritorniamo alla nostra posada passando per l’altopiano a 1500 mt e troviamo la nebbia. Sì a Madeira il tempo cambia ogni 5 minuti, ogni 5 km e ogni 100 metri di dislivello.

L’escursione del giorno dopo è sul Pico Ruivo, la cima più alta di Madeira. In alcuni punti ombreggiati troviamo anche un po’ di neve e ghiaccio. E’ una bellissima giornata e quindi c’è molta gente, ma la vista sull’isola e l’oceano è spettacolare.

pico3 (FILEminimizer)

pico5 (FILEminimizer)

Completiamo la nostra giornata con una visita a Santana, uno dei paesi dell’isola. Qui hanno conservato alcune case antiche tipiche, con i tetti di paglia spioventi. Un po’ ad uso del turista perché non è rimasto molto di “antico” in giro e questo è stato un po’ una delusione.

santana (FILEminimizer)

fiore1 (FILEminimizer)

0-500 metri slm e 500-0 m slm tutti gradini, in salita ed in discesa. Questa è l’escursione da Jardim do Mar a Paul do Mar con un aperitivo finale al bar dei pescatori a base di lapas, gustosissime patelle passate al burro e aglioooooo, e lo spettacolo dei surfisti sull’oceano.

Jardimdomar2 (FILEminimizer)

discesa jardim (FILEminimizer)

surf (FILEminimizer)

E a questo punto non posso evitare di scattare e mostrarvi la foto del tramonto sull’oceano.

tramonto sull'oceano (FILEminimizer)

Giorno di Pasqua all’insegna del giro turistico. Grotte, orto botanico, teleferica, giro nel centro di Funchal. Sole, pioggia, sole, pioggia, sole, pioggia. In pratica ci spostiamo sempre verso il sole e lo troviamo sempre. Le nuvole non scendono mai fino al mare!

noi sulla teleferica (FILEminimizer)

funchal (FILEminimizer)

E da questo belvedere possiamo sporgerci su un balcone di vetro ai soliti 500 m slm.

piove (FILEminimizer)

Ultimo giorno. Mi sembra di essere stata via un mese. La nostra meta è Punta Sao Lourenco. Un percorso selvaggio fra l’oceano. Ma i fiori non mancano nemmeno qui! E per qualcuno una nuotata!

capo4 (FILEminimizer)

capo5 (FILEminimizer)

Non ci facciamo mancare l’ultima teleferica, l’ultima falesia, un po’ di adrenalina prima di lasciare questa giovane lussureggiante isola di soli 4,5 milioni di anni!

teleferica (FILEminimizer)

Gli abitanti di Madeira sono stati simpatici ed accoglienti, abbiamo mangiato e bevuto bene (Madeira e poncha inclusi), forse un po’ troppo. Ma le camminate ci hanno tolto ogni senso di colpa!

P.S. Quasi dimenticavo…viaggio con alto numero di partecipanti del Centro Sud Italia. Le due nordiche sono arrivate sempre prime agli appuntamenti, ma gli altri non sono mai stati in ritardo! 🙂

Grazie ad Ornella per aver voluto condividere la sua esperienza con gli amici di World Trips… ti aspettiamo presto di nuovo su queste pagine!!

Commenti

commenti