Oggi vi porto nel cuore della campagna toscana per raccontarvi cosa vedere a Siena in un giorno. A dispetto del suo essere un piccolo borgo di campagna, la città del Palio è una delle destinazioni più ricercate soprattutto dal turismo internazionale.

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.

Visitare Siena ha il sapore di un ritorno al passato, all’atmosfera medievale di cui è pervasa e che trasuda fascino da ogni angolo. Un fascino che si percepisce dalla tipica architettura, dagli stretti vicoli e da quel suo colore giallo rossastro che la caratterizza. Non a caso è stato coniato un vero e proprio colore dal nome “Terra di Siena”. Tra una salita e una discesa, un vicolo ed un ponte, ecco comparire alcuni dei gioielli architettonici più importanti d’Italia come il Duomo o il Battistero. Con un minimo di organizzazione è possibile farsi una buona idea di Siena anche soltanto in un giorno.

Siena in 1 giorno: cosa vedere nella città del Palio

Siena in un giorno

Il punto di partenza di questo mio tour alla scoperta di Siena in un giorno non può che essere Piazza del Campo. È proprio qui che ogni anno, il 2 luglio e il 16 agosto, si svolge il celebre Palio che è molto più di una semplice manifestazione turistica. Affonda le sue radici nel 1633 e non si è mai fermato tranne negli anni delle due Guerre Mondiali e in occasione della pandemia da Covid. L’intero territorio di Siena è diviso in diciassette contrade, ciascuna con dei confini ben definiti da un bando del 1729. Ogni contrada è come un piccolo stato, retto da un Seggio con a capo il Priore e guidato nella “giostra” da un Capitano. Molti dei balconi che si affacciano sulla piazza appartengono a questa o a quella contrada e durante il palio espongono i propri stendardi, godendo di una vista privilegiata sulla festa.

Siena in un giorno

Piazza del Campo, con la sua forma di conchiglia a 9 spicchi, è considerata come una delle più belle piazze del mondo. Dal 1300 è il fulcro della vita culturale e sociale di Siena con gli splendidi palazzi nobiliari che la cingono. Da notare nella parte alta della piazza la Fonte Gaia, copia della fontana che Jacopo della Quercia scolpì tra il 1409 e il 1419. Nella parte bassa, invece, ecco il Palazzo Pubblico, sede del Comune cittadino, con la Torre del Mangia.

Palazzo Pubblico e Torre del Mangia

Costruito tra il 1297 e il 1310 per volere del Governo dei Nove, oggi Palazzo Pubblico, oltre ad essere sede dell’amministrazione comunale, ospita il Museo Civico. Al suo interno è possibile ammirare preziosi affreschi come “Allegoria ed effetti del Buono e del Cattivo Governo” di Ambrogio Lorenzetti ed altri di Simone Martini nella Sala del Mappamondo. È presente anche una statua della lupa senese, emblema di Siena fin dal tardo medioevo, per sottolinearne le mitiche origini romane.

A svettare sopra Palazzo Pubblico è la Torre del Mangia che dall’alto dei suoi 88 metri permette di ammirare Siena e dintorni da una prospettiva davvero eccezionale. Il nome deriva dal suo primo custode, incaricato di battere le ore, che si godeva la vita sperperando tutti i suoi guadagni. I senesi lo avevano, quindi, ribattezzato “Mangiaguadagni”, da cui Torre del Mangia.

Siena in un giorno

Duomo e Battistero

Percorrendo pochi metri da piazza del campo verso la parte alta della città, ci si ritrova dinanzi al Battistero di San Giovanni, eretto tra il 1316 e il 1325. È talmente imponente e bello da essere spesso confuso con la Cattedrale. La facciata marmorea appare incompiuta ma l’opera più importante è sicuramente il fonte battesimale situato al suo interno. Capolavoro del primo Rinascimento toscano, è stato realizzato in marmo, bronzo e smalto tra il 1417 e il 1431 da Jacopo della Quercia con decori di numerosi artisti tra cui anche Donatello.

Alle spalle del Battistero, poi, ecco svettare in tutta la sua magnificenza il celebre Duomo di Siena anche conosciuto come Cattedrale dell’Assunta. In occasione di una visita di Siena in un giorno non può assolutamente mancare una tappa in questo luogo. Mi fermo alcuni minuti in silenzio ad ammirare i particolari degli esterni realizzati con i colori del bianco e del verde scuro (quasi nero), che sono rappresentativi della città. È davvero un capolavoro! Non a caso è annoverata tra le più belle chiese del mondo. Entrando all’interno di questa Cattedrale romano-gotica rimarrete stupiti dalle meraviglie che custodisce, su tutte il suo pavimento, parzialmente coperto per non rovinare i mosaici con l’usura, composto da 56 riquadri che raffigurano scene dei Vangeli ed altri simboli.

Vicoli di Siena

Dopo aver visitato i monumenti più famosi, il modo migliore per conoscere Siena è perdersi tra i suoi stretti e caratteristici vicoli pregni di storia e fascino nonché patrimonio dell’Unesco. Vi imbatterete in antichi palazzi nobiliari come Rocca Salimbeni, storica sede del Monte dei Paschi di Siena dall’inizio del XV secolo, piccole piazze e romantici scorci. La vostra visita di Siena in un giorno non può che concludersi con l’assaggio dei prodotti tipici locali come i salumi, i cantucci o il panforte, accompagnati da un bicchiere di Vin Santo o di un ottimo rosso locale.

Siena in un giorno

Siena in un giorno

Leggi anche ⇒ Itinerario tra i borghi del Chianti in Toscana

Commenti

commenti