Se vi state chiedendo quale sia il cuore di Chicago, la risposta è sicuramente il Loop, termine usato per indicare la zona finanziaria di Chicago, quella dove si concentrano il maggior numero di grattacieli ed anche di attrazioni.

Alloggiare nella zona del Loop, quella che in altre città chiamerebbero downtown, può essere un ottimo punto di partenza per cominciare una visita della città. Il Loop si caratterizza anche per la presenza della ferrovia sopraelevata dove corre la metropolitana, immagine davvero caratteristica e iconica di Chicago nel mondo.

L’atmosfera retrò delle stazioni in legno e acciaio catapultano il viaggiatore indietro nel tempo e conferiscono all’area un fascino unico. In fondo, se è vero che si tratta di una normale metropolitana che qui scorre in superficie, è anche vero che quando vi ritroverete a camminare per strada con i treni che vi sfrecciano a 10 metri sopra la vostra testa, non potrete che alzare lo sguardo quasi stupiti e sceglierete sicuramente di farvi un giro.

Viaggiare nella metropolitana che corre nel Loop vi permetterà anche di scoprire la città da un altro punto di vista, osservando la vita quotidiana che si svolge negli uffici, quasi a volerli spiare, o la folla che si muove affannosamente nelle strade sottostanti.

Nella zona del Loop, però, che include il Millennium Park con il suo fagiolo e l’Art Institute, troverete anche il Chicago Theatre con la sua celebre scritta luminosa, divenuta icona dell’omonimo musical di Broadway, che non potrete esimervi dal fotografare.

E, ancora, tante opere d’arte come la scultura di Picasso a Daley Plaza, scultura che non ha un nome e per questo è conosciuta come Untitled, oppure quella di Calder, che riproduce un flamingo, insieme a molti edifici dall’architettura interessante.

Ultima curiosità: proprio di fronte all’Art Institute, all’incrocio tra Michigan Avenue e Wabash Avenue, si trova l’inizio della celebre Route 66 che partendo da Chicago attraversa i vari Stati Americani per concludersi poi sul pontile di Santa Monica in California.


Commenti

commenti