La crociera nella baia di Ha Long, dove Ha Long significa il drago che scende nel mare, è allo stesso tempo una delle esperienze più entusiasmanti e più turistiche che, però, non potete anzi non dovete assolutamente perdere se decidete di visitare il Vietnam.

Non posso negare che l’emozione che il luogo suscita da un punto di vista paesaggistico viene inevitabilmente scalfita dal fatto di ritrovarsi circondati da decine e decine di altre barche con annessi migliaia di turisti. Ma non avete scampo!!! Che voi siate viaggiatori fai da te oppure facciate parte di un gruppo organizzato, per visitare la baia dovrete per forza unirvi ad una crociera. Io mi sono affidato alla sapiente organizzazione di Indochina Voyages ed ho pernottato a bordo della Paloma Cruise, una delle migliori compagnie nella baia. Nonostante la confusione, non potrei mai non consigliare l’esperienza di una crociera da una notte (si una notte basta avanza!) in questo luogo fuori dal tempo.

La leggenda racconta che, tanto tempo fa, mentre i vietnamiti erano in lotta contro gli invasori cinesi provenienti dal mare, l’Imperatore di Giada inviò una famiglia di dragoni celestiali per aiutarli a difendere la propria terra. Questi dragoni iniziarono a sputare gioielli e giada che si tramutarono nelle isole della baia, formando una grande muraglia contro gli invasori riuscendo, così, ad affondare le navi nemiche. Attraverso questo gesto di protezione verso la loro terra, diedero vita al paese conosciuto oggi come Vietnam.

La baia di Ha long si trova nel Golfo del Tonchino, al confine con la Cina, e dista 164 km da Hanoi, la capitale del paese. Nel 2011 è stata inserita tra le 7 meraviglie naturali del pianeta e dal 1994 l’Unesco l’ha nominata Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Gli oltre 2000 isolotti calcarei coperti di vegetazione, sono un vero paradiso per tutti gli amanti della fotografia. Con la barca è possibile passare attraverso le insenature create dalla natura ma in alcune zone è vietato muoversi perché, ancora oggi, esiste un elevato pericolo di mine, retaggio della guerra contro gli Stati uniti d’America.

Sono numerose anche le caverne che si possono raggiungere, su tutte la Thien Canh Son, che si raggiunge dopo aver percorso una lunga scalinata, immersi nella vegetazione. L’interno della caverna è davvero enorme ed è possibile ammirare stalattiti, stalagmiti ed altre formazioni calcaree. Non illudetevi di trovare refrigerio dall’afa esterna perché all’interno, forse, è anche peggio.

Se poi volete conquistarvi un po’ di privacy, il modo migliore è di prendere un kayak (di cui sono forniti tutte le navi) e spostarvi da soli e senza stress tra le insenature e le grotte presenti, possibilmente cercando di non ribaltarvi nelle acque della baia che, pur se dall’aspetto smeraldo, mi sono sembrate a dir poco inquinate.

Molto interessante e suggestiva la visita al villaggio galleggiante di Vung Vieng. Qui, un tempo, vivevano oltre 2mila famiglie, principalmente dedite alla pesca e alla coltivazione di perle. Oggi, invece, per consentire l’educazione dei bambini, si sono trasferiti quasi tutti sulla terraferma e qui sono rimaste solo una cinquantina di famiglie. È davvero suggestivo muoversi a bordo della nostra imbarcazione di bambù, tra le case e gli isolotti, in un reale silenzio…finalmente!

Sicuramente il momento più suggestivo della crociera è assistere al tramonto dalla propria barca. Il sole che scompare dietro gli isolotti lasciando una scia tra il rosso e l’arancione vale tutto il viaggio. Non rammaricatevi eccessivamente se durante la vostra crociera non potrete godere della presenza del sole…è davvero usuale! A noi è capitato di avere un pomeriggio di sole e poi addirittura pioggia. Il fascino comunque rimane immutato. In ogni caso, se la visitate in estate, preparatevi ad un caldo infernale da togliere il fiato.

Insomma la baia di Ha Long è davvero bella da togliere il fiato ma, mi verrebbe quasi da dire, è talmente bella da essere, forse, fin troppo famosa…in ogni caso, non sentitevi troppo in colpa per aver ceduto ad un’affollata attrazione turistica perché una crociera nelle sue acque è d’obbligo se vi trovate in Vietnam!

Commenti

commenti