Non ci si stanca mai di visitare Napoli e di scoprirne angoli nascosti ed itinerari di viaggio. Oggi vi propongo un itinerario da Piazza del Gesù a San Gregorio Armeno, per ripercorrere i vicoli del cuore antico di Napoli. Visitare San Gregorio Armeno nel periodo natalizio è un must non soltanto per centinaia di migliaia di turisti che si riversano in città ma anche per gli stessi napoletani. Ogni anno mi reco nella celebre strada dei pastori per acquistare tutto il materiale necessario per arricchire il mio presepe.

Questa volta ho scelto di prendermi tutto il tempo necessario per compiere un vero e proprio itinerario turistico e godermelo senza fretta. Punto di partenza è stata Piazza del Gesù Nuovo.

  •  Piazza del Gesù Nuovo

Una delle piazze più famose di Napoli e cuore del centro storico cittadino. Deve il suo nome alla chiesa che si affaccia proprio sulla piazza e che è intitolata appunto Gesù Nuovo, splendido esempio di arte barocca, al cui interno è custodito il corpo di San Giuseppe Moscati. Al centro della piazza, invece, si trova il monumentale obelisco dell’Immacolata, alto 30 metri e risalente al settecento, con in cima la statua della Madonna. Imboccando via Benedetto Croce, dopo pochi passi, sulla destra, trovate l’accesso alla Basilica di Santa Chiara.

  • Visitare Napoli: la Basilica di Santa Chiara

È la Basilica gotica più grande di Napoli. Entrando al suo interno rimarrete stupiti dalla maestosità e imponenza della struttura che, allo stesso tempo, appare caratterizzata da una estrema semplicità. Gran parte della struttura, infatti, appare spoglia, non ricoperta da dipinti e ornamenti ma solo dalle mura originali anche a causa degli ingenti danni subiti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Venne aperta al culto nel 1330 per volere di Roberto d’Angiò. La Chiesa, però, è solo uno degli edifici che fanno parte del complesso monumentale di Santa Chiara, che include: un monastero, il chiostro, degli scavi archeologici, un museo e un grande refettorio.

cuore antico di napoli (3)

Continuando la nostra passeggiata lungo via Benedetto Croce tra negozi caratteristici, gioiellerie ed antichi palazzi, è d’obbligo una sosta presso la Pasticceria Sindaco, che vende uno dei migliori babà mai mangiati. Da lì, in pochi passi si arriva in piazza San Domenico Maggiore.

cuore antico di napoli (1)

  • Piazza San Domenico Maggiore

Proseguendo lungo via Benedetto Croce, anche conosciuta come Spaccanapoli, si arriva in questa importante piazza nel vivo del centro storico di Napoli, all’incrocio con via Mezzocannone. Si tratta di un punto fondamentale della città perché, salendo verso via dei Tribunali, vi imbatterete prima nella Cappella Sansevero sulla destra e poi nel Conservatorio di San Pietro a Maiella sulla sinistra. Scendendo lungo via Mezzocannone, invece, si raggiunge la zona universitaria e corso Umberto.

Anche piazza San Domenico prende il nome dalla Chiesa di cui si può ammirare la zona absidale chiusa in alto da una cornice merlata mentre al centro della piazza si trova un altro obelisco, questa volta dedicato a San Domenico, e risalente alla metà del settecento. Proseguendo dritti si supera piazzetta Nilo e si entra in San Biagio dei Librai, altra via storica di Napoli.

  • via San Biagio dei Librai

Più che di una tappa vera e propria, si tratta di una passeggiata tra antichi palazzi che durante il periodo natalizio si riempiono di botteghe degli artigiani del presepe. Inoltrandovi nei vari vicoli laterali, vi ritroverete in caratteristici cortili di antichi palazzi e conoscerete il volto della vera Napoli. Ad un certo punto della vostra passeggiata, sarete ad un incrocio, è quello con via San Gregorio Armeno, celebre per essere conosciuta nel mondo come la strada dei pastori.

cuore antico di napoli (6)

  • via San Gregorio Armeno

Non si può visitare Napoli senza fare una passeggiata lungo via San Gregorio Armeno, la strada conosciuta in tutto il mondo per la presenza delle botteghe in cui poter ammirare come l’arte presepiale venga tramandata di generazione in generazione. Congiunge perpendicolarmente due dei decumani napoletani: il Decumano Maggiore (via dei Tribunali) e il Decumano Inferiore (via San Biagio dei Librai). Si può visitare tutto l’anno ma durante il periodo natalizio la magia (e la folla) è sicuramente maggiore. Percorrendola in salita, si arriva alla Basilica di San Lorenzo maggiore in piazza San Gaetano.

  • Basilica di San Lorenzo Maggiore

Mastodontica e monumentale, risale al 1235 ed è una delle basiliche più antiche di Napoli. Scendendo nei suoi sotterranei è possibile visitare gli scavi archeologici che hanno riportato alla luce l’area dedicata al macellum, risalente al I° secolo, dove aveva luogo il mercato cittadino in epoca romana ma i ritrovamenti hanno mostrato tracce di strutture greche risalenti addirittura al IV secolo a.C..
cuore antico di napoli (10)

  • piazza San Gaetano

Questo mio itinerario alla scoperta di Napoli, si ferma in piazza San Gaetano, da sempre riconosciuta come il foro di età romana coincidente a sua volta con l’agorà della città greca.

Questo può essere considerato il punto di partenza per numerosi altri itinerari per visitare Napoli, una città che, con la sua storia millenaria, non si smette mai di scoprire e di amare! 

cuore antico di napoli (11)

Commenti

commenti